Paesaggi [Ir]razionali Paolo Albertini2018-09-16T22:15:43+00:00

Project Description

Mostre

© Paolo Albertini

Paesaggi [Ir]razionali

Paolo Albertini

Il progetto nasce dal desiderio di raccontare, in chiave quasi surrealista, una zona di territorio rurale che si sviluppa nei pressi della via consolare Flaminia, a nord della Capitale, utilizzando riprese all’infrarosso (IR = Infrared) ed applicando il flusso di lavoro basato sui false colors.
Un vecchio e prestigioso campo da golf, completamente abbandonato da anni e reinterpretato attraverso l’impiego di questa tecnica, acquista un fascino completamente nuovo e diverso per lo spettatore, mentre la vegetazione riprende lentamente ma inesorabilmente possesso del proprio territorio.
La ripresa con apparecchi fotografici appositamente modificati, insieme a filtri speciali per “tagliare” le frequenze di luce che interessano e ad un successivo processo mirato di post-produzione, consente infatti di evidenziare ciò che in effetti è già presente nella sfera del reale, ma che il nostro occhio non è in grado di percepire. Tutta la dinamica della scena finisce dunque per trasformarsi radicalmente, separando quasi tridimensionalmente piani ed elementi che altrimenti rimarrebbero confinati e compressi all’interno di una visione di tipo tradizionale. La dimensione parallela introdotta dall’infrarosso ci guida per mano attraverso un nuovo equilibrio che va oltre la sfera del visibile, esaltando in modo quasi fantastico forme e ambienti che si evolvono in “altro”, pur mantenendo la loro inequivocabile identità.

Paolo Albertini

Paolo Albertini, Roma 1960, vive a Riano, lungo la via Flamina, approfondisce la passione per la fotografia a partire dai primi anni ’80, iniziando a scattare con la Kodak Retina IIIC a telemetro del padre, per poi passare ai sistemi analogici reflex Contax e Canon EOS.
Alcune sue immagini sono apparse su note riviste di fotografia a livello nazionale (Fotografare, Reflex), sia per illustrare alcuni articoli che a corredo di monografie edite dalle stesse testate. Nel corso degli ultimi 15 anni si è dedicato principalmente all’allestimento di numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero e al supporto delle attività del proprio Club, Circolo Fotografico “L’Immagine” BFI-SMF di Roma, del quale è a tutt’oggi membro effettivo. Nel 2018 ottiene l’ambito riconoscimento AFI (Artista della Fotografia Italiana) da parte della FIAF, come riconoscimento per significativi meriti fotografici in ambito federativo. La sua immagine The Land of Silence, premiata e segnalata in diversi Concorsi con patrocinio FIAF, viene
selezionata tra le migliori 25 foto dell’anno ed inclusa nell’Annuario FIAF 2018.

Torna alle mostre