Project Description

Mostre

Lithium Road

Matjaz Krivic

Le batterie sono catalizzatori di enormi cambiamenti nel nostro tempo, sia industriali che sociali. Il boom di auto, telefoni e robot a batteria sta facendo impennare il mercato del suo componente principale, il litio, creando una moderna corsa all’oro con grandi conseguenze geo-strategiche. Il progetto segue la catena del valore di questo minerale raro: dall’investimento e dalla prospezione negli USA all’estrazione mineraria in Bolivia, dalla produzione di batterie e automobili in Cina fino al piccolo stato petrolifero della Norvegia che apre la strada all’elettrificazione di tutti i suoi trasporti: auto, autobus, aerei e barche. Questa è la storia di come il litio sta cambiando le società e forse potrebbe avere un ruolo nel salvare il nostro pianeta. Ma a caro prezzo.

Più la necessità di protezione del clima diventa forte, più lo sviluppo di un’energia pulita guadagna slancio. Ma allo stesso tempo, ciò che è parte fondamentale della soluzione, il litio, e il materiale che permette di produrre, non sono privi di rischi e colpe L’inquinamento da litio è un problema crescente ovunque venga estratto, e ci sono anche minacce per le comunità locali che sono totalmente sotto il controllo delle compagnie minerarie. La fornitura di litio non è abbastanza veloce per soddisfare la domanda e si stanno già manifestando i segni di un effetto a imbuto, con società cinesi, australiane e nordamericane che acquistano miniere di litio in paesi di tutto il mondo per garantirsi riserve per il futuro.

La storia parla di come il futuro si stia svelando sotto i nostri occhi. Vuole sensibilizzare su come sta effettivamente avvenendo la transizione dal fossile all’elettrico, con tutte le sue meravigliose possibilità. Ma anche come sta influenzando la geopolitica e come anche l’energia pulita abbia un prezzo e non pochi rischi.

Biografia dell’artista

Matjaz Krivic è un fotografo documentarista che cattura storie di persone e luoghi, concentrandosi su questioni ambientali. Per 20 anni, nel suo stile intenso, personale ed esteticamente commovente, ha raccontato il volto del nostro pianeta. Un racconto riconosciuto da diversi premi prestigiosi, tra cui il World Press Photo nel 2016.

Torna alle mostre